BUCOVINA guida turistica...per il tuo viaggio

Su tutto quello che si può vedere nella regione moldava della Romania, considera il critico d’arte Josef Strzygowski, sono le curiose chiese nei monasteri, che con la policromia delle facciate si possono comparare con la chiesa di San Marco a Venezia o con il duomo di Orvieto … cose simili non sono visibili in altri paesi al Mondo. Ma non solo questo, la natura che circonda i Monasteri, Le foreste si Abeti che si attraversano. L’alimentazione biologica, le tradizioni tra cui Le uova dipinte che partirono come una tradizione pasquale ed adesso sono uno dei simboli della Bucovina, si fanno tutto l’ anno, per essere comprate dai tantissimi turisti chela attraversano in lungo ed in largo, sono tra le caratteristiche principali che si incontrano in Bucovina.

Il Medioevo ha lasciato tracce molto diverse nella regione moldava della Romania grazie al Santo voivoda Stefano il Grande (Stefan cel Mare), un instancabile difensore del cristianesimo in Moldova contro gli ottomani (per questo venne fatto santo dagli Ortodossi). Numerosi resti di fortezze e corti reali (in Suceava, Targu Neamt, Piatra Neamt, Roman) evocano il passato brillante di Moldova.

La zona a nord della Moldavia si chiama Bucovina. Le chiese dei monasteri della Bucovina con le facciate affrescate (nella lista del Patrimonio dell'Umanità dell'UNESCO), sono l'attrazione principale dei viaggiatori che la attraversano. Visitando questa terra sacra non si può perder la visita di almeno uno di questi edifici religiosi che si incontrano ad ogni angolo. Sarete colpiti dai bellissimi affreschi dipinti nelle tonalità uniche, il blu, il rosso, il giallo e il verde che coprono le pareti esterne delle intere Chiese dei monasteri. Vedrete voi stessi queste " perle della Bucovina", esemplari unici dell’architettura feudale, e capirete il fascino che esercitano sugli uomini.

Il monastero di Voronet (1488) è considerato la Cappella Sistina della Romania e dell'Est con la sua celebre rappresentazione del Giudizio Universale sulla facciata occidentale, con uno sfondo blu. Il monastero Putna (1466-1469) conserva ricami e oggetti religiosi risalenti al tempo di Stefano il Grande. Monastero di Humor (1530) ha splendidi affreschi esterni di tipo bizantino del pittore Toma. Il monastero di Sucevita (1591) è noto per la sua impressionante affresco della scala delle virtù, dipinto sul lato nord. Il Monastero di Moldovita (1532) è dominata dal colore giallo oro brillante degli affreschi, il più famoso è quello dell’attacco di Costantinopoli. Il Monastero di Arbore (1502) ha al suo esterno affreschi realizzati da Dragos Coman, considerato un vero Pisanello Moldova. Monastero Bogdana è la più antica chiesa in Moldavia (XIV secolo).

Il fascino della Bucovina sta nelle sue colline che talvolta camminano parallelamente creando delle vallate, coperte di foreste di abete, abete rosso e boschi di faggio, fiumi come il Moldovita e il Bistrita, i versanti dei monti Calimani conosciuti come i Dodici Apostoli, in fine le tante tradizioni popolari. La natura è molto generosa in Bucovina, è possibile vedere i covoni di fieno nelle zone di Ponoare e Frumoasa-Moara, Slatioara boschi secolari, la montagna delle erbe Todirescu, la riserva geologica dei 12 Apostoli.

Se si desidera viaggiare in Bucovina non si possono perdere i villaggi tradizionali o antichi usi e costumi. Si devono ascoltare le canzoni popolari (doine, balade e canti di Natale) e ammirare i tappeti fatti a mano. Capirai il genio popolare della Romani . I laboratori di vasai e Radauti Marginea che mantengono i segreti di vasi in ceramica smaltata nera decorati con ricchi motivi floreali, lavorazione del legno per costruire case o verande aperte o per le decorazioni delle chiese, l'arte della pittura delle uova di Pasqua che hanno reso famosa Bucovina, i villaggi come Ciocanesti - con le sue case uniche con decorazioni esterna, come il ricamo, i famosi gilet di pelliccia di martora decorati di Vama e Straja...

Avete bisogno di altro per desiderare di fare un viaggio in Bucovina?



Copyright © 2019 · CiaoRomania ·